La Germania diventa un nuovo campo di battaglia nelle guerre di scooter europee

- Jul 09, 2019-

Germany scooter.jpg


Quasi la metà delle società di scooter elettrici a Parigi ha sospeso o ridimensionato le operazioni nella scorsa settimana, dopo che il sindaco della capitale francese ha promesso di reprimere "l'anarchia" causata dall'improvvisa proliferazione di migliaia di nuovi veicoli a due ruote sulle sue strade .


Allo stesso tempo, molte delle stesse start-up si stanno affrettando a lanciare nelle città di tutta la Germania, dopo che la più grande economia europea ha legalizzato i veicoli il mese scorso.


"La Germania è nella mania degli scooter", ha dichiarato Boris Mittermüller, co-fondatore e direttore operativo di Circ, una delle prime aziende a lanciare lì. "Il tempo è perfetto. Abbiamo davvero molto slancio. Anche noi siamo sorpresi."


Le start-up europee di scooter, tra cui Circ, Voi e Tier, stanno gareggiando contro i rivali statunitensi Lime e Bird per stabilirsi in Germania. Requisiti specifici del veicolo come freni doppi e portatarga stanno costringendo le start-up a progettare e produrre nuovi modelli appositamente per il mercato tedesco.


"È la prossima guerra - la prossima Parigi in questo momento è la Germania", ha detto Maxim Romain, co-fondatore e amministratore delegato di Dott. "Tutti si stanno concentrando su di esso."


Ciò sta alimentando una nuova spinta di raccolta fondi in quello che è già un affollato mercato europeo della mobilità. Dopo che la Dott. Con sede ad Amsterdam ha annunciato un round di 30 milioni di euro venerdì, i dirigenti di Circ (precedentemente noto come Flash) e Voi affermano di essere anche in trattative con gli investitori sulla raccolta di nuovo capitale.


"Il 2019 è un anno estremamente importante per le aziende di micro-mobilità in Europa, soprattutto ora con l'apertura della Germania", ha dichiarato Mittermüller. "Ovviamente dovremo raccogliere più capitale".


Il record di start-up a Parigi, che è rapidamente diventato uno dei più grandi mercati di scooter al mondo, sarà vitale per convincere gli investitori a riaprire i loro libretti degli assegni. Più di $ 1,5 miliardi sono già stati versati in iniziative di scooter in tutto il mondo, poco più di due anni dopo l'introduzione del nuovo concetto di trasporto.


Un anno dopo che Lime, con sede nella Silicon Valley, è diventata la prima azienda di scooter a essere lanciata a Parigi, la città e i suoi abitanti sono diventati inconsapevoli cavie per una dozzina di diversi tipi di scooter. Alcune stime suggeriscono che negli ultimi mesi sono stati disponibili oltre 20.000 scooter in tutta Parigi. Dopo un rallentamento invernale, la crescita è tornata con l'arrivo della primavera.


"Fino a poco tempo fa era il mercato più competitivo: tutti erano presenti", ha dichiarato Romain. "È un mercato molto difficile. È una città molto grande, quindi a livello operativo è difficile da gestire. Sicuramente hai un sacco di atti di vandalismo o furto."


Mentre inizialmente si è rivelato una manna per gli operatori di scooter, i funzionari della città sono stati costretti ad abbandonare il loro originale atteggiamento da laissez-faire dopo le lamentele di alcuni residenti.


"Non è lontano dall'anarchia ed è estremamente difficile per una città come la nostra gestire questo servizio", ha detto Anne Hidalgo, sindaco di Parigi, il mese scorso.


Gli operatori di scooter sostengono che i loro veicoli possono aiutare ad alleviare la congestione e l'inquinamento nelle città poiché molti cercano di limitare le auto nelle aree del centro. Ma ammettono che Parigi è stata un esperimento estremo nel futuro dei trasporti.


"È così affascinante vedere quanto velocemente può cambiare una città, ma si vedono anche molti punti deboli", ha dichiarato Fredrik Hjelm, amministratore delegato di Voi. "Ci sono diverse aziende non professionali che tentano la fortuna. Comprendiamo che le persone sono incazzate".


Ha detto che Voi ha "messo in pausa" le sue operazioni a Parigi mentre ha aggiornato la sua flotta, con piani per tornare a pieno regime "in poche settimane".


Tier ha detto di aver anche ritirato i suoi scooter dalle strade di Parigi prima che tornasse in due o tre settimane con un nuovo modello di scooter. Gli operatori più piccoli Bolt, Wind e Ufo sono in gran parte scomparsi da Parigi nell'ultima settimana, mentre la mobilità B supportata da Usain Bolt ha solo 65 scooter disponibili.


"Per essere qualcuno a Parigi è necessaria una dimensione della flotta significativa", ha dichiarato Mittermüller. "Questo ha un costo in conto capitale e operativo, quindi i giocatori più piccoli probabilmente non hanno possibilità a Parigi."


Wayne Ting, responsabile globale delle operazioni e della strategia di Lime, ha previsto che il 2019 sarà "un anno di chiarimento" per le aziende di scooter.


I costi di capitale stanno aumentando quando si aprono nuovi mercati come la Germania, ma anche gli investitori stanno diventando più cauti. Pochi operatori di noleggio scooter hanno dimostrato che una forte adozione anticipata da parte dei consumatori può essere trasformata in un'attività sostenibile a lungo termine.


"Stai iniziando a vedere molti rischi associati al panorama competitivo", ha dichiarato Romain. "Quindi un certo numero di [investitori] vuole aspettare un po 'e vedere se [le start-up] possono costruire qualcosa che cresce proficuamente e se uno sarà il chiaro vincitore."


Un investitore nel settore è stato più schietto sulle sfide future per l'affollato mercato europeo degli scooter: "Probabilmente vedremo più società uscire dal mercato verso la fine di quest'anno".

Un paio di:Gratis IL prossimo Articolo:Il giro in scooter elettrico condiviso ha rappresentato il 45,8% di tutti i viaggi di micromobilità nel 2018